Tastebuds il social per incontri di Spotify

Spotify si sposta sugli incontri di coppia attraverso l’applicazione Tastebuds. Non ci credete? Leggete questo articolo per credere e se vorrete, provate per testare.

Spotify diventa ancora più social con Tastebuds

C’è chi è “drogato” di bicicletta e cerca l’anima gemella attraverso Strava (complicato, ma non impossibile), chi non ha tante pretese e Tinder va benissimo, i più giovani usano Instagram come una piattaforma di incontri, ma se sei un appassionato di musica cosa potresti fare? Ti scrivo un nome, ricordalo mentre leggi, Tastebuds.

Se sei nato fino agli anni ’80 sicuramente avrai avuto qualche conquista in un locale di musica, a un concerto o a un festival che ricordava Woodstock. Nell’epoca dei social, la situazione è diversa. Poi ora ci si mette anche la quarantena per il Covid-19. Cosa poter fare?

Spotify sta testando diversi mercati e vuole essere sempre più social, sempre più vicino alla storia di vita delle persone e per questo ha messo in campo l’applicazione Tastebuds. Questa applicazione potrebbe essere un aiuto per sviluppare un piano di marketing e comunicazione su come fare pubblicità su Spotify.

tastebuds come funziona

Tastebuds, come funziona

Se il vostro sogno è trovare l’anima gemella attraverso la musica che vi accomuna, questa applicazione è quello che fa per voi. 

Iscriversi è semplice e lo si può fare anche attraverso il proprio profilo facebook, da mobile e da desktop. Una volto iscritto, devi flaggare il perché stai usando Tastebuds: trovare un “partner”, scoprire musica, trovare compagni per i concerti o nuovi amici.

I match vengono fatti per area geografica indicata, età, tipologia di ricerca e gusti musicali. Per gusti musicali si intendono sia musicisti (e gruppi musicali) che singole canzoni.

Dopo la fase di registrazione, l ’applicazione ti propone una schermata con i volti delle persone con cui potresti andare in sintonia e se vuoi ti suggerisce anche delle domande da far loro per conoscervi meglio. Sono domande generiche, che hanno a che fare con i gusti musicali o indirizzate a chi cerca un partner occasionale o di vita. Il sistema è ancora tutto in inglese. Avrai ha disposizione una bacheca dove con dividere pensieri e soprattutto musica.

Tastebuds è free, ma ovviamente, c’è anche la possibilità di avere servizi aggiuntivi a pagamento.

Tastebuds e il suo perché

Alex e  Julian, i creatori dell’applicazione, così descrivono il suo perché: “La musica ti dice qualcosa sulle persone; ti dà un terreno comune ed è la colonna sonora dei migliori momenti della nostra vita. Quindi perché non far incontrare persone a cui piace la stessa musica, per condividere esperienze che al momento si stanno perdendo? Questo è il motivo per cui abbiamo creato Tastebuds.

“La musica ti dice qualcosa sulle persone; ti dà un terreno comune ed è la colonna sonora dei migliori momenti della nostra vita

Tastebuds, Storytelling applicato al business

Cosa c’entra Tastebuds con lo Storytelling applicato al business? Probabilmente niente, ma questo articolo è un approfondimento della puntata su come fare pubblicità su Spotify.

O forse non è vero, qualcosa c’entra.  Altri social all’inizio non avevano una vena business e poi si sono tramutati. Mi viene in mente Whatsapp per esempio. Non è difficile pensare a un uso business di Tastebuds.

Spotify ha come idea di pubblicità quella di inserirsi nella storia di vita delle persone: quale miglior mezzo per una targetizzazione se non usare i dati provenienti da un applicazione di incontri (amorosi o/e di amicizia) perfettamente targettizzati sui gusti musicali e sulla geolocalizzazione?! Lo stesso Songkick, partner di Spotify, sta già conoscendo delle applicazioni nella strategia di comunicazione aziendale.

Inoltre, i creatori dell’applicazione, hanno dichiarato che stanno studiando un modo per far incontrare nell’off line le persone che si sono conosciute sulla piattaforma. Stanno studiando un modo per portarle ai concerti, nei locali e nella vita all’aria aperta. Continuate a pensare che Tastebuds non abbia nulla a che fare con lo Storytelling applicato al business? 

Io vedo tante possibilità per le aziende di usare questo social per le proprie strategie di comunicazione e marketing: e voi cosa ne pensate?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top